Villa Biscossi

La Vìla più piccola della Lomellina

All’incrocio tra Via per Mede e la Strada Provinciale 52, tra cascine e campi si trova: Villa Biscossi!
Lungo via Roma e via Marconi si snoda Villa Biscossi con ben 77 abitanti e una superficie di quasi 5km2 . Con queste misure detiene il record del più piccolo comune della Lomellina.

Ma non lasciatevi ingannare dalle dimensioni. Questo piccolo territorio ha accolto grandi personaggi come Vittorio Emanuele II.

Vittorio Emanuele II saluta i vicini

La storia risale al 1219 ai tempi di Federico II, quando Villa Biscossi era chiamata “Piperatorum” o “Villa Piperis”. Il nome corrente è di adozione popolare dal nome della più numerosa e nobile famiglia proprietaria e residente: la famiglia Biscossi, antichi feudatari che stanziarono verso la fine del XIII secolo e che, probabilmente, valorizzarono il centro abitato. In seguito, i territori passarono tra le mani di diversi proprietari e la sua estensione si ridusse.

Il centro abitato sorge sulle rovine dei un antico castello che fu distrutto per la costruzione della dimora dei Biscossi, un edificio settecentesco a due piani che ha subito numerose modifiche nel corso degli anni. Fu proprio in questo palazzo che nel 1859 dormirono per una notte il Re Vittorio Emanuele II e il suo stato maggiore.

Chiesa San Lazzaro e Celso

È un paese ricco di arte sacra. A partire dalla Chiesa parrocchiale, dedicata ai Santi Nazzaro e Celso, e la Chiesa dei santi Rocco e Sebastiano eretta dopo la peste del 1600 all’ingresso del paese. 

Non solo re, ma anche Camillo Benso conte di Cavour passò di qui! Nel 1846, giunto in Lomellina per il Comizio agrario di Mortara, il conte si incontrò a palazzo con diversi dirigenti delle associazioni patriottiche provenienti da Milano, Pavia e dall’Oltrepò Pavese per discutere delle imminenti azioni politico-militari contro l’Austria.

 

Se volete ammirare bei giardini, villette storiche, comprare un bel salame o il classico sacco da 5kg di riso, Villa Biscossi ha tutto questo! Se siete di passaggio, una piccola deviazione vi porterà un sorriso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *